martedì 10 gennaio 2023

VACANZE: per Natale e Capodanno gli imolesi non si sono fatti mancare nulla

Annalisa Pavanello

Sono già passati i primi 10 giorni dell'anno nuovo ma sono ancora
freschi i ricordi dei cittadini imolesi riguardo alle vacanze tra Natale e Capodanno.

Simone Taracchini

Catia Griguoli dell'agenzia Vivere & Viaggiare, sita in via Galeati, 43 spiega: “Gli imolesi dal non sono partiti nelle date canoniche ma hanno anticipato o posticipato le vacanze. Ad esempio molti sono andati via all'inizio di dicembre perché le quote sono dimezzate. Le mete preferite sono state le crociere in tutto il mondo e l'Africa. C'è stato un calo dell'Asia come la Thailandia che erano luoghu gettonati. L'Asia mette paura anche per il Covid. Soprattutto hanno viaggiato coppie mentre le famiglie hanno decentrato il tutto”.

Simone Taracchini che lavora all'agenzia Viaggi Santerno, situata in via Galeati, 5 ha le idee chiare: “Le destinazioni principali sono stati le consuete capitali europee, New York, Miami, i Caraibi, Zanzibar, Parigi. Londra è stata meno quotatat per via dei passaporti. Poi è andata la Germania con Monaco e Berlino. Bene Oman negli Emirati, meno le Maldive perché i prezzi erano molto alti a causa delle tasse portuali e della guerra”.

Catia Griguoli
Angela Quattrosoldi

Interviene poi Angela Quattrosoldi, titolare dell'agenzia La Valigia dei Viaggi che si trova in via XX Settembre, 31, afferma: “Il lungo raggio è andato bene come Messico, New York, Thailandia anche per due settimane e 10 giorni. Non ho mai venduto molti pacchetti per le Spa. Per andare negli Stati Uniti fuori stagione si spende solo 500 euro. Ho già varie richieste per l'estate. Speriamo bene”.

Annalisa Pavanello che conduce l'A.Pi Studio, situata in via XX
Settembre, 29/b racconta: “Abbiamo trascorso cinque giorni in Marocco nella vivace città di Marrakech, tra bellissimi palazzi arabi, madrase che sono scuole coraniche, suq degli artigiani. Si è trattato di una breve ma intensa esperienza nel vicino Nordafrica che ha raggiunto il culmine nel deserto dell’Agafay, dove la sera del 31 dicembre abbiamo cenato sotto le tende beduine e aspettato la mezzanotte attorno al fuoco. Prima abbiamo assaporato la bellezza del tramonto. Alcuni si sono divertiti con una piacevole cammellata. Nel nostro soggiorno abbiamo anche sperimentato l’Hammam, il tipico bagno turco, con vasche calde e massaggi”.


Nessun commento: