domenica 14 novembre 2021

SPORT, Calcio a 5 B: l'Aposa Bologna non demerita ma soccombe col Sant'Agata

APOSA BOLOGNA – SANT’AGATA FUTSAL 2004: 4 – 5

SANT’AGATA: Di Norcia, Vecchi, Golinelli, Triglia, Ammendola, Canale, Beltrami, Garofalo, Ben Saad, Avino, Stallocca, Zoboli. All. Gualtieri.

APOSA BOLOGNA: D’Alessandro, De Pietro, Macchia, Aprile, Spada, Pritoni, Turc, Lucchese, Toschi, Paciaroni, Ansaloni, Radesco. All. Carobbi.

ARBITRI: Acella di Macerata e Spadoni di Ancona; cronometrista, Staffelli di Reggio Emilia.

RETI: p.t. 7’ Garofalo (S), 11’ e 12’ Ansaloni (A), 13’ Avino (S); s.t. 1’ Garofalo (S), 3’ Toschi (A), 4’ Pritoni (A), 14’ Been Saad (S), 14’ Triglia (S).

AMMONITI: Di Norcia, Macchia, Ammendola, Toschi, Zoboli, Ben Saad.

ESPULSI: Garofalo.

Bologna, 13 novembre 2021 – E’ una strana alchimia la vittoria: gli ingredienti talvolta sembrano giusti, ben amalgamati, eppure sfugge. Aposa offre contro il Sant’Agata forse la miglior prestazione della stagione, ma il risultato non le rende onore. Da subito il derby non tradisce le aspettative: un duello senza soluzione di continuità, con repentini cambi di fronte. La ripartenza di Garofalo, al 7’, si trasforma nella prima rete. I bolognesi sono propositivi, quasi brillanti in fase di costruzione, ma la finalizzazione rimarrà la pecca di tutta la gara. E’ Ansaloni, prima in triangolazione con Toschi, poi su assist di Aprile, a concretizzare, all’11’ e al 12’. L’avversario è scattante, sanguigno: riagguanta i locali dopo un solo minuto, con Avino. I restanti minuti della frazione richiedono l’aiuto di Paciaroni, che fa scudo ad una squadra temporaneamente appannata. Aposa parte all’arrembaggio nella ripresa: Zoboli è bravo a respingere le incursioni, mentre i compagni, difesa bassa, al primo contropiede beffano i locali. Al 3’ il pareggio porta la firma di Toschi. L’energia che il teatro di un derby normalmente sprigiona, surriscalda, nel caso in questione, gli animi: le sanzioni arbitrali partono dal giallo, per diventare rosso nel caso di Garofalo. La superiorità numerica viene sfruttata dai locali: il 2004 Pritoni corona la buona prestazione con una rete. Le ‘ostilità’ fra le due squadre aumentano d’intensità da ambo i lati: se al 9’ Zoboli si supera nel respingere prima la rovesciata di Toschi, poi, su ribattuta, il colpo di testa di Spada, al 12’ il Sant’Agata colpisce il palo. Al 14’ arriva il colpo di scena: l’estremo difensore verde-nero abbassa la guardia e gli ospiti prima pareggiano, poi allungano. Aposa non si arrende, ricorrendo al portiere di movimento: la gragnuola di colpi viene vanificata da una difesa avversaria blindata. Un solo minuto condanna i locali alla sconfitta, mentre premia il battagliero Sant’Agata. Ad Aposa resta sí il rimpianto per le tante occasioni sprecate, ma anche la consapevolezza di avere le carte in regola per vincere.

Prossimo turno – campionato (San Lazzaro, 20/11 ore 15.00): APOSA BOLOGNA FCD – OLYMPIA ROVERETO 

Stefania Avoni - Ufficio Stampa Aposa Bologna Fcd

Nessun commento: