sabato 9 marzo 2019

SPORT, Calcio: Valsanterno 2009, l'avversario è l'Anzolavino

Abdessatar Trabelsi
Un Febbraio encomiabile e un Marzo iniziato sotto i migliori auspici. Uno stato di forma e una serenità mentale in decisa crescita in casa Valsanterno, dove l’entusiasmo sta prendendo piede trascinando la squadra di mister Felice fuori dalle sabbie mobili delle zone critiche di classifica. Dapprima deludente, la stagione valligiana si è improvvisamente trasformata, consegnando alla società una situazione sommariamente lineare rispetto all’obiettivo stagionale.
Bando, però, ai voli pindarici. Bisognerà ancora sudare, nelle ultime sette gare, per determinare il destino della stagione, con in testa il traguardo, ora raggiungibile, di migliorare la settima posizione raggiunta lo scorso anno. Il calendario è implacabile e offre a Poggi e compagni la difficile trasferta di Anzola dell’Emilia contro il locale Anzolavino (calcio d’inizio alle 14.30, direzione di gara affidata al signor Bonioni di Reggio Emilia). Una squadra, quella di mister Colantuono, che nella gara d’andata destò buone impressioni ai sostenitori valligiani presenti in tribuna, complice le buone trame di gioco espresse e la facilità di giocare palla al piede.
Non sarà semplice, dunque, avere la meglio sulla formazione bolognese. Organico quasi al completo in vista della gara di domenica, con il rientro di Vallante, squalificato contro il Terre del Reno, a sostituire il probabile assente Sciuto, non al meglio fisicamente. Al completo, invece, la batteria degli attaccanti, tra i quali punta alla prima rete stagionale Abdessatar Trabelsi. “Il gol è linfa vitale per un attaccante”, dichiara la punta classe ‘89, “e spero di provare nuovamente la gioia della rete molto presto. Sarebbe bello farlo proprio contro l’Anzolavino, in uno scontro diretto che dovremo affrontare con la dovuta serietà, ma allo stesso tempo con la serenità che ci ha permesso di risalire la china. Siamo in un momento fantastico, dove tutto sembra girare alla perfezione, ma è fondamentale tenere la guardia alta per non vanificare quanto di buono abbiamo costruito”. Reduce da un lungo infortunio che lo ha costretto a quasi un anno intero di stop, il giocatore di origini tunisine si sta rialzando, contribuendo al buon periodo della Valsanterno. “È stato un periodo difficilissimo, a livello calcistico e personale. Mai avevo avuto uno stop così lungo e per motivi così gravi, l’ho accusato pesantemente e mi ha condizionato nella vita di tutti i giorni. Finalmente adesso sento che la gamba sta tornando, ho voglia di continuare a crescere e di riscattare quanto non ho potuto fare la scorsa stagione e nella prima parte di questa. Ogni volta che entro in campo, dimentico tutto il resto e sento i brividi perché so cosa mi sono perso e quanta voglia abbia di recuperare”.

Yuri Barbieri – Claudio Leone
Ufficio Comunicazione Valsanterno 2009
Mail: comunicazione@valsanterno.net

Nessun commento: