martedì 7 marzo 2017

SERIE B: Imolese Calcio 1919, sconfitta di misura contro la Fenice

FENICE VENEZIAMESTRE - IMOLESE CALCIO 1919:  3 - 2
FENICE: Brugnolo, Caregnato, Bertuletti, Meo, Zupperdoni, Marton, De Battista, Ortolan, Cavaglià, Hasaj, Giommoni, Molin. All. Pagana.
IMOLESE: Paciaroni, Malafronte, Angelotti, Salvini, Greco, Radesco, Valentini, Paolini, Rensi, Ferrara, Maccaferri, Signorini. All. Carobbi.
ARBITRI: PIANA di Biella e URICCHIO di Collegno; cronometrista, FIOR di Castelfranco Veneto.  RETI: s.t. 1' Greco (I), 13' Bertuletti (F), 15' Malafronte (I), 16' Ortolan (F), 19' Malafronte (autogoal, F).
AMMONITI: Caregnato.
ESPULSI: - 
Venezia Mestre, 4 marzo 2017 - Difficile descrivere la delusione mista ad incredulità che serpeggia fra i rossoblu dopo la sconfitta contro la Fenice. L'Imolese, rincorsa per quasi tutta la ripresa, scorge nei veneti il proprio riflesso: giovanissimi alla ribalta dopo un difficile esordio in B. Ma quell'immagine, nitida, finisce distorta: due scherzi del destino (una valutazione arbitrale dubbia e un autogoal) piegano una squadra che ancora non trova riconoscimento al proprio valore. La prima frazione si conclude a reti inviolate: due squadre parimenti intraprendenti e un ritmo di gioco elevato. La Fenice, sciolta in fase offensiva, richiede in più occasioni l'intervento di Paciaroni, che corregge le iniziali sbavature difensive. L'Imolese, sempre più vigile nelle retrovie, fatica in attacco: iperattiva, risulta a tratti prevedibile per la difesa a uomo locale, impegnando di rado il portiere avversario. Nella ripresa i rossoblu acquisiscono da subito quello slancio e quella sinergia prima assenti. Alla prima azione, Radesco si porta in posizione centrale: retropassaggio sulla fascia per Greco che, in velocità, insacca di diagonale. Il successivo duello di tiri in porta ingaggiato fra le due squadre subisce una battuta d'arresto fra il 7' e l'11': l'Imolese opta per la prudenza, mentre la Fenice forza la mano. Il riaggancio arriva al 13': calcio d'angolo, Bertuletti riceve palla e centra la porta da distanza ravvicinata. L'Imolese, indomita, allunga di nuovo al 15': progressione velocissima di Malafronte, che si decentra per poi scagliare un laterale imprendibile sul secondo palo. Un minuto dopo, l'arbitro dichiara non conforme al regolamento il retropassaggio a Paciaroni: una decisione che Ortolan trasforma nel pareggio su punizione. Al 19' è Malafronte a macchiare la sua ottima prestazione: i veneti attaccano e la sua deviazione errata in rete regala la vittoria ai locali. La Fenice non domina, eppure ottiene il placet del campo. L'Imolese ostinata, che si reinventa e si esalta, pur giocando con i 'superstiti' (quattro i titolari squalificati), deve soggiacere alla matematica del risultato. Difficile concludere il resoconto di una partita oltremodo coraggiosa per i rossoblu con la parola 'sconfitta'. 


Prossimo turno – CAMPIONATO (Imola, 11/03, ore 15.00): IMOLESE CALCIO 1919 - A.S.D. CALCIO A CINQUE FORLI'

Stefania Avoni 
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

Nessun commento: