lunedì 7 marzo 2016

SERIE C1: Imolese Calcio 1919, pari e patta contro Casalgrande

Una fase di gioco
Imola, 5 marzo 2016 - E' labile il confine fra un punto conquistato
e due persi. Il pareggio con un avversario insidioso come il Real Casalgrandese avrebbe accontentato l'Imolese del girone di andata. Amareggia, invece, l'Imolese del ritorno, assetata di punti e in cerca di una difficile riabilitazione post terremoto. L'assenza di Bandini, giovanissima promessa rossoblu e pedina imprescindibile della difesa, pesa sulle retrovie, che dopo pochi secondi trattengono il fiato sul palo colpito dal capitano De Risi. Il Real Casalgrandese, forte della consolidata intesa di gioco, manovra con sicurezza in fase offensiva e schiera una difesa compatta nella propria metà campo. Graffianti in attacco, gli ospiti chiamano frequentemente in causa Rensi, che risponde con efficacia dando man forte ai compagni. L'Imolese, esitante soprattutto in sede costruttiva, non trova né l'estro né la spinta propulsiva necessari a superare la barriera reggiana. E' solo al 28' e al 29' che Zanoni e Paolini inquadrano lo specchio della porta, dove Vinciguerra respinge i tiri. Nella ripresa l'Imolese cambia marcia, imprimendo un ritmo frenetico all'incontro. Al 2' il tiro piazzato di Gelimeri dalla fascia si insinua in un varco tra difensori e primo palo, spiazzando il portiere e diventando goal. Gli emiliani alzano la pressione e gli scontri si fanno sempre più aspri. Intanto i difensori imolesi offrono prove individuali di un'audacia spettacolare, contro un attacco ospite impossibilitato a conservare inalterato lo slancio della prima frazione. Maccaferri, Zanoni, Gelimeri, Scozzatti e Paolini si prodigano per portare a compimento un lavoro offensivo indefesso, ma, come sempre, l'inciampo è in chiusura. Lasciano esterrefatti la quantità e la varietà di occasioni prodotte dall'Imolese, che fa la voce grossa dopo una prima frazione in tono sommesso: cuore e gambe, però, non sono bastano in assenza di fiuto in area. L'impietosa regola per cui a goal mancato corrisponde goal subito è inappellabile: al 21' il siluro centrale di De Risi da fuori area lascia di stucco difesa e portiere. Dopo il palo del primo tempo e la traversa colpita al 10', il paladino del Real Casalgrandese compie la sua missione. L'agonismo dell'incontro porta gli ospiti a quota sei falli al 29': mister Carobbi mette in campo Giagnorio, affidando a lui il tiro libero. Vinciguerra para e si ripete deviando oltre la traversa, al 31', il bel tiro di Giagnorio, che non riesce a riparare al precedente errore. Vano il tentativo dell'Imolese di usare il portiere di movimento sul finale. Un punto a testa che non soddisfa nessuno: nè il Real Casalgrandese, appena sanzionato con la sconfitta a tavolino contro il Futsal Ravenna, né l'Imolese, che vede allontanarsi la nuova capolista, la Young Line. I rossoblu, volenti o nolenti, devono affrontare una nuova realtà, dopo i fasti e i facili entusiasmi del girone d'andata: imparare dagli errori e tener fede alla promesse sono le basi per continuare a sognare.
IMOLESE CALCIO 1919 – REAL CASALGRANDESE C5:  1 – 1
IMOLESE: Valvieri, Tasca, Gelimeri, Dari, Scozzatti, Giagnorio, Zanoni, Maccaferri, Rensi, Malafronte, Paolini, Paciaroni. All. Carobbi.
REAL CASALGRANDESE: Vinciguerra, Ferraro, Mazizi, Scavone, Ferrari, Codeluppi, De Risi, Santamarina, Bovolenta, Fusco, Farris, Sulis. All. Simonazzi.
ARBITRI: GRAZIO di Bologna e DE FABRITIIS di Forlì.
RETI: S.t. 2' Gelimeri (I), 21' De Risi (R).
AMMONITI: Ferraro, Farris, Santamarina, Maccaferri. 
ESPULSI: -
Prossimo turno – CAMPIONATO (12/03 a Castel san Pietro Terme, ore 14.30): ASS. CLUB CALCIO A CINQUE – IMOLESE CALCIO 1919

Stefania Avoni
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919 

Nessun commento: