domenica 1 marzo 2015

SERIE D: Rossoblu Imolese 1990, ammaestrati i Delfini

ROSSOBLU IMOLESE 1990 vs DELFINI RIMINI 5-4

ROSSOBLU IMOLESE:
Leone, Mirri L. , Mazzetti, Mirri D. , Petroni, Golinelli, Costa, Sarti, Armaroli, Vicinelli, Koci, Gavanelli.

DELFINI RIMINI:
Buttacchio, Montebelli, Capriotti, Mazzotti, Bartoli, Bardhi, Screti, Marro, Della Rosa, Peroni, Burnelli

GOL:
Koci, Costa, Mazzetti, Koci, Mazzetti (R), 4 Screti (D)

NOTE:
Arbitro Karacsonyi di Faenza. Recupero 0’ pt, 3’ st.

Il mese di Febbraio, amaro di soddisfazioni per la Rossoblu Imolese, si chiude con una vittoria casalinga al cardiopalma contro un combattivo Delfini Rimini. La vittoria dona morale ed entusiasmo ad una squadra che sembrava aver smarrito il bandolo della matassa, persa in una spirale negativa di risultati. Oltretutto, i tre punti odierni assumono valenza maggiore, sia perché permette agli imolesi di rimanere agganciata al secondo posto, occupato proprio dai rivieraschi, e tiene a distanza di sicurezza le più immediate inseguitrici.
Eppure, la partita si apre con il piede sbagliato per i locali: alla prima occasione utile, infatti, è vantaggio riminese, complice una deviazione di Golinelli che spiazza l’intera difesa e porta, in seguito alla sponda del pivot, all’appoggio facile in rete di Screti a porta sguarnita. Lo svantaggio stimola la squadra di casa, che cerca di scuotersi e raggiunge il pari: appoggio di Sarti per Koci su punizione e destro dritto in rete per l’1-1. Tuttavia, gli ospiti continuano ad attaccare e, su un tiro dal limite, è sfortunato Vicinelli che tocca il pallone calciato da breve distanza di mano: ci sono gli estremi per il calcio di rigore, finalizzato con un tiro potente e centrale da Screti, che spiazza Leone. Il numero uno imolese, però, si rifà pochi minuti dopo, quando il numero 10 riminese si presenta al suo cospetto dopo il sesto fallo di Daniele Mirri. Ancora tiro centrale, ma stavolta Leone prima respinge, poi neutralizza sulla ribattuta. Nel finale di tempo c’è spazio per una storia felice: Costa fa il suo esordio e, 5 secondi dopo il suo ingresso in campo, con un taglio perfetto elude il controllo del difensore, si presenta al cospetto di Buttacchio e, con un chirurgico sinistro, piazza la palla sulla parte interna del palo, con la sfera che prosegue la sua corsa varcando la linea di porta.
Nella seconda frazione, la Rossoblu parte con una maggiore convinzione, determinata nel voler portare a casa la seconda vittoria in quest’anno solare: Mazzetti, tenuto in naftalina nel primo tempo a causa di una condizione fisica precaria, entra in campo e subito cerca di impensierire Buttacchio, ma i primi due tentativi si infrangono sui difensori avversari. Al terzo tentativo, però, il bomber di casa si sblocca: ottima discesa sulla destra di Golinelli, scarico indietro sull’accorrente pivot che prima viene murato da un difensore, ma al secondo tentativo non fallisce. Sulla situazione di vantaggio tuttavia sopravviene una sensazione di rilassatezza che costa cara ai locali: palla persa nei pressi del centrocampo in maniera ingenua e il solito Screti si ritrova a tu per tu con Leone, con l’estremo difensore abile a parare il primo tiro, ma la palla resta lì e l’attaccante avversario ne approfitta mandando in rete. La furia realizzativa del giocatore non si placa, e pochi minuti dopo arriva anche il poker: con l’aiuto irregolare della mano, il giocatore salta Sarti e, al cospetto di Leone, segna la rete del 3-4, ribaltando il risultato. La partita sembra compromessa, ma un regalo di Bardhi, che nel tentativo di lanciare lungo per il solissimo Capriotti cicca clamorosamente il pallone, porta Armaroli e Koci ad un due contro Buttacchio: appoggio sul secondo palo del primo al secondo e parità nuovamente raggiunta. I minuti di recupero, però, regalano le emozioni maggiori: i Delfini, complice il turno di riposo dell’antagonista Virtus Cesena, non ci stanno a lasciare punti e attaccano a pieno organico. Al primo di recupero Marro ha sui piedi l’occasione per chiudere la partita, ma il suo urlo di gioia viene strozzato da un’eccellente parata in tuffo di Leone. Sul corner seguente, lo stesso Leone para, mette a terra il pallone e col sinistro lancia in profondità Mazzetti, che ha di fronte a sé una prateria e si lancia verso la porta, chiudendo a rete e regalando ai suoi la vittoria. L’ultimo, disperato assalto degli ospiti si risolve in un nulla di fatto, e la Rossoblu dopo 3 partite senza vittorie possono finalmente festeggiare, rinsaldando la terza posizione in graduatoria. (in collaborazione con la Rossoblu Imolese 1990).

Nessun commento: