mercoledì 1 ottobre 2014

L'INTERVISTA: Mauro Barbieri, padre di Sam della Ma Group: "Non gli do consigli perché non ne ha bisogno: è un grande"

Mauro Barbieri
Mauro e il figlio Sam
Guardando il campo nella parte sinistra della tribuna della Cavina, in quarta-quinta fila, con l'inseparabile Giovanni Grelle, Mauro Barbieri fa sentire il suo sostegno alla Ma Group, la squadra in cui gioca suo figlio Samuele, fratello di Tommaso che ha avuto pure lui esperienze di futsal. Facciamo due chiacchiere col padre di Sam.
Da cosa deriva la passione per il futsal?
"Ovviamente da quando Sam tanti anni fa iniziò a giocare. E' simile al calcio che amo (Bologna) con regole interessanti. Bisogna usare molto la testa per effettuare assist e giocate vincenti. Vedo analogie col basket, ci giocavo, a grandi linee (ride)".
Dai consigli a tuo figlio Sam?
"Consigli no, non ne ha bisogno perché è un grande. Lo apprezzo molto per la tenacia, la correttezza, il rispetto per tutti ed è umile. Poi è bravo nel gioco per la potenza fisica e per come usa la testa. A volte anticipa di un secondo quel che fa, è un regista e ciò mi fa contento".
Giudichi mai con lui le sue prestazioni?
"Giudico fra me e me, a lui faccio sempre coraggio. Se sbaglia lo sa bene lui e si autocritica. Forse troppo".
Sulla squadra Ma quest'anno che impressioni hai?
"La Ma Group la vedo molto molto bene. Al momento è un gruppo molto unito con tanti talenti, e al rientro di Grelle la squadra sarà completa".
Conosci altre realtà calcettistiche imolesi?
"Non seguo le altre squadre anche se poi tifo pure per loro. Imola è nel sangue amche perché, seguendo spesso Sam, ho conosciuto tanti bravi ragazzi. Mi sento un po' più giovane anche io (ride)".
Aggiungi qualcosa?
"Aggiungo che sono troppo tifoso ed esagero sugli spalti un po' troppo. Forza Imola".

Nessun commento: