venerdì 18 ottobre 2013

SERIE B: domani la Ma Group gioca a Fano

Archiviata la netta vittoria casalinga con il Cus Ancona, la Ma Group affronta la prima trasferta della stagione. Domani, alle 15, sul campo del Circolo tennis La Trave a Fano i rossoblù sfidano l’Alma Juventus che ha perso all’esordio contro Lucrezia e ha riposato alla seconda giornata. Il mister imolese Daniele Fiorentini deve rinunciare a Samuele Barbieri che si è infortunato nell’allenamento di ieri mentre Denis Capecce dovrebbe essere completamente recuperato visto che durante la settimana è stato al 70-80%. “Fiore” ha convocato l’under 21 Giancarlo Palladino nell’ottica della sinergia tra la prima squadra e la formazione allenata da Cabir Ferri.
ISOLAPRESS - Daniele Fiorentini
“Giochiamo – dice il tecnico della Ma Group – contro una neopromossa salita vincendo i playoff. La rosa è cambiato poco ed è formata da giocatori giovani che corrono tanto dando pressione sulla palla e sugli avversari per tutta la partita. Poi il fondo del campo che è gommato non ci favorisce perché la palla scorre
più lenta”.
Il trainer rossoblù guarda in casa sua: “Vorrei vedere una squadra diversa rispetto a sabato scorso. Un quintetto che sia più aggressivo sul portatore di palla, cerchi di rubarla per poi tenerla tra i piedi e creare azioni di attacco. Mi aspetto una partita tonica da parte dei miei ragazzi”.
Fiorentini torna alla partita col Cus Ancona: “Abbiamo subito i gol per nostre disattenzioni che si pagano sempre più è alta la categoria. Non dobbiamo regalare nulla agli avversari e, se andiamo sotto, il merito deve essere loro. Ancona ha evidenziato buone doti tecniche ma non mi ha impressionato a livello di ritmo. Il problema è che noi siamo scesi alla loro velocità ma poi siamo stati bravi a chiudere il match”.
Infine un elogio al pubblico: “I tifosi e gli appassionati erano presenti e hanno sostenuto la squadra anche nei momenti di difficoltà. Mi aspetto di giocare in campi dove il pubblico fa la differenza e spero sia così anche alla Cavina. Si è trattato poi di un tifo corretto, a favore nostro e non contro gli avversari. L’Imola ha sempre costruito squadre forti ed è normale che, chi ama il calcetto, voglia vedere la sua massima espressione”.

Mirko Melandri
Ufficio Stampa Ma Group Imola

Nessun commento: