sabato 7 novembre 2015

SERIE A2: Ma Group, anche Pesarofano si inchina alla legge della Cavina

Se non ci fosse bisognerebbe inventarla. L’inespugnabile fortino della Cavina è il teatro della nuova impresa targata Ma Group che batte di misura l’Italservice Pesarofano C5 (3-2) rafforzando il secondo posto nella classifica del girone A della serie A2. Conti alla mano, non si ricorda sulle rive del Santerno una partenza più lanciata in categoria: cinque vittorie nelle sei uscite di campionato. Tradizionale quintetto d’avvio per i rossoblu di Vanni Pedrini: Juninho, Vignoli, Borges, Revert Cortés, Dalle Molle. Maglia azzurra per gli ospiti che mandano in campo Corvatta tra i pali, Jelavic, Tonidandel, Lamedica e Babic. I romagnoli si presentano con un paio di sortite dalla corsia di sinistra di Borges che prima accarezza il montante poi scalda le mani a Corvatta. Marchigiani in vantaggio al terzo giro di lancette sugli sviluppi di un calcio d’angolo che libera al tiro per vie centrali Jelavic, la sfera passa sotto alle gambe di Juninho (0-1). Duello tutto sudamericano tra il bomber Borges ed il forte estremo difensore argentino Corvatta prodigioso in almeno due interventi. Rischia grosso la Ma Group sul ribaltamento di fronte, l’alleggerimento difensivo di testa di Vignoli smarca Lamedica che colpisce la traversa a Juninho battuto. Gli sforzi imolesi trovano costrutto al minuto numero quattordici quando il caparbio Borges strappa un pallone dai piedi dell’Italservice sulla mediana, passaggio per Revert Cortés che dalla destra pesca sottomisura lo smarcato Escobar (1-1). Insistono i locali alla ricerca del vantaggio di primo tempo, Corvatta ancora decisivo sul tiro diretto all’angolino di Revert Cortés. Inizio di ripresa sotto il segno dell’equilibrio: Vignoli illumina Revert Cortés, diagonale fuori di un soffio. Il Pesarofano sull’asse Jelavic-Tonidandel accarezza il palo della porta di Juninho che mette una pezza sul successivo fendente di Babic. La fase centrale del periodo è assai concitata: Corvatta di piede salva su Revert Cortés poi Dalle Molle getta alle ortiche l’assist al bacio in contropiede di Castagna. Al decimo l’occasione più ghiotta capita tra i piedi di Tonidandel che, sulla scivolata di Vignoli, spara sul petto di un Juninho in disperata uscita. Goal sbagliato, goal subito. A tre secondi dal quarto d’ora il Genio della Lampada Vignoli materializza la verticalizzazione da cineteca per la girata di prima intenzione del capocannoniere Marcio Borges che, francobollato e spalle alla porta, infuoca la Cavina (2-1). L’Italservice accusa il colpo, solo il palo strozza in gola il secondo urlo di gioia di giornata di Escobar sul veloce contropiede rossoblu. Il tris della casa è nell’aria ed al diciassettesimo la punizione di Revert Cortés dall’out di sinistra trova il polpaccio letale di Dalle Molle che devia in fondo al sacco da un metro (3-1). Le emozioni non finiscono qui; il focoso croato Babic perde la testa a suon di proteste e va anticipatamente sotto alla doccia per doppia ammonizione. A quaranta secondi dal triplice fischio la discesa dalla destra con tiro all’incrocio di Jelavic sorprende retroguardia, Juninho, pubblico e terna arbitrale che convalida dopo qualche istante (3-2). Sportivi complimenti a Corvatta che viola le leggi della fisica nel salvataggio conclusivo a botta sicura su Revert Cortés. Sabato 14 novembre (ore 17.30) prosegue il filone delle sfide da vertice con la trasferta al Palasport “Pertini” di Cornaredo contro i dirimpettai da secondo posto del Milano Calcio a 5. 

Vanni Pedrini (Allenatore Ma Group): “Match durissimo come ci aspettavamo; l’Italservice è un organico di grande qualità e, per la loro metodologia difensiva, trovarsi subito ad inseguire non è stato facile. Corvatta disumano, a mio avviso, il migliore in campo. Bene il nostro secondo tempo nonostante le fisiologiche difficoltà di concretizzazione al cospetto delle tante occasioni create. Una vittoria di squadra dedicata a tutte le persone che collaborano con noi lontano dalle luci della ribalta: Vannini, Ricciardelli, il DS Angeli, la famiglia Gubellini e l’ufficio stampa Grandi, siamo una famiglia straordinaria. Profilo bassissimo sempre, è il nostro motto”.

Ma Group: Carpino, Mirenda, Barbieri, Conti, Escobar, Venturelli, Revert Cortés, Borges, Castagna, Vignoli, Dalle Molle, Juninho. Allenatore: Pedrini
Italservice Pesarofano C5: Verì, Silveira, Ganzetti, Vagnini, Tonidandel, Rossi, Bonci, Jelavic, Cuomo, Lamedica, Corvatta, Babic. Allenatore: Osimani
Arbitri: Vannucchi (Prato) – Bensi (Grosseto)
Cronometrista: Davì (Bologna)
Marcatori: 2’42”pt Jelavic (Pe), 14’08” pt Escobar (Ma) fine primo tempo 1-1; 14’57”st Borges (Ma), 17’13”st Dalle Molle (Ma), 19’20”st Jelavic (Pe) fine partita 3-2.
Ammoniti: Corvatta (Pe), Babic (Pe)
Espulso: Babic (Pe) per doppia ammonizione

Mattia Grandi
Ufficio Stampa MA Group Imola Calcio a 5 2015/2016

Nessun commento: